Menu
X
Accedi
Cerca
Generic filters
Filter by Categories
Attività commerciali
Arredamento
Porte e finestre
Traslochi
Video Sorveglianza
Filter by Categories
Artigiani ed imprese
Elettricisti
Fabbro
Falegname
Giardinieri
Imbianchini
Imprese edili
Muratori
Termoidraulico
Liberi Professionisti
Agenzie Immobiliari
Architetti
Creditizio
Geometri
Ingegneri
Interior Designer

Tags Archives: arredamento

immagine
2 anni ago Blog

Vendere Casa Facilmente

Vendere Casa è un’arte che non tutti conoscono.

In un mercato immobiliare saturo di immobili, dove case simili alla nostra ce ne sono a decine, riuscirsi a differenziare risulta essere di fondamentale importanza.

Per vendere Casa facilmente ci sono 5 passi fondamentali:

  • Controllare la Documentazione
  • Stabilire un Valore di mercato
  • Come scattare le Foto
  • Annuncio Immobiliare
  • Cartello su Strada

Per analizzare a fondo questi 5 punti vi riportiamo uninteressante articolo scritto dall’agenzia immobiliare “Case Catania

Parla di te! Valorizza le tue competenze, la tua professionalità ed i tuoi successi come Professionista. Crea il tuo Profilo gratis su Espliko!

Iscriviti ora

⇒ ⇒ Leggi qui l’articolo integrale


 

immagine
2 anni ago Blog

Arredare la camera da letto

La camera da letto è, insieme al salotto e alla cucina, uno dei tre vertici che compongono la struttura portante di un’abitazione in fatto di arredamento. Rispetto alle ultime due sopraelencate, quello della camera da letto è certamente un ambiente più intimo e personale, che spesso e volentieri resta celato agli occhi di ospiti occasionali e dove l’identità in fatto di arredamento, più che declamata, è sussurrata. Ma non per questo vuol dire che sia meno caratterizzata o incisiva. Tempo addietro arredare una camera da letto era forse più semplice: la tradizione imponeva di battezzare uno stile e ordinare uno stock di elementi – letto, comodini, armadio, cassettiere e mobili vari – tutti coordinati e magari deciso direttamente a monte dall’azienda produttrice. Oggi, per fortuna, la palla è passata direttamente nelle mani dell’utilizzatore finale e al posto delle collezioni coordinate da cima a fondo si preferisce giocare in gran libertà con accostamenti e contrasti. Questa possibilità di spaziare e sbizzarrirsi avendo mani libere in fatto di arredamento rappresenta la tipica situazione da croce e delizia, a seconda di come ci si pone rispetto ad essa. Di sicuro, la possibilità di mettere il proprio tocco personale in ogni elemento di arredamento della camera da letto renderà felici tutte quelle persone desiderose di aggiungere un pizzico di sé alla propria stanza. Va da sé che per gestire al meglio una simile operazione ci voglia criterio, un’idea forte e coerente da cui partire e la capacità di fare le giuste scelte in fatto di colori, forme e stili, in modo che tutti questi elementi si fondano fra loro e non facciano a pugni.

Vediamo un esempio di coerenza e stile facilmente riconoscibile con la proposta di Lema, che prende le mosse dal letto Madama, vero fulcro compositivo di tutto l’ambiente, con testata imbottita e trapuntata e linea definita dal sottile bordo in coda di topo. La composizione della stanza è poi completata dal tavolino Flowers, che in questo caso funge da comodino, con piano in laccato disponibile in oltre quaranta colori, e struttura in metallo. Completano il quadro arredativo della camera la poltrona Felix, interamente rivestita in tessuto o ecopelle e l’armadio facente parte del programma Armadio al centimetro, che permette di sfruttare al massimo tutto lo spazio disponibile.

Arredamento camera da letto

Camera da letto moderna

Stanza da letto moderna

Lo stile di arredamento di una stanza da letto dipende sempre e comunque da gusti soggettivi e può spaziare dal classico al moderno. In questo secondo caso, i tratti distintivi dell’arredamento sono quelli della pulizia delle linee, dell’ordine e di una leggerezza compositiva quasi eterea. Personalità decisa, occhi puntati verso il design più moderno e una persistente sensazione di fondo quasi magica sono i tratti distintivi che caratterizzano la proposta di Noctis – affermata realtà nel campo del Made in Italy con oltre 25 anni di storia alle spalle – e del suo letto Flamingo. Siamo di fronte ad un perfetto esercizio di stile e architettura per uno dei modelli più pregiati e ricercati all’interno della produzione del brand, quintessenza di una ricerca che viaggia e prende ispirazione dai materiali più innovativi, dai design inediti e dalle nuove tendenze di moda. Il letto Flamingo è un progetto di Studio V7 e si inserisce alla perfezione nello spazio della stanza da letto con tatto, leggerezza e grande eleganza grazie ad una struttura aerea che sembra vibrare nell’aria, quasi fosse senza peso. Questa è di fatto la principale peculiarità del progetto, rappresentata dalla base dal profilo estremamente sottile, con piedi in tubolare in legno arretrati e di fatto nascosti alla vista, così da regalare agli occhi di chi osserva l’immagine suggestiva e di forte impatto scenografico di un letto “volante”. Il rimando ai celebri tappeti capaci di librarsi nell’aria nelle storie de “Le mille e una notte” è immediato e regala un tocco di magia in più a tutta la composizione.

La proposta – che supera i confini di design e arte contemporanea – è declinata in due versioni, Flamingo e Flamingo Net. Nel modello Flamingo le linee nette e sottili del progetto sono esaltate dal morbido rivestimento. Il comfort si accentua grazie alla dotazione dei morbidi rulli poggiatesta, regolabili con molle a gas che, grazie al sistema push-up, ne permettono il sollevamento, in studiato contrasto con l’essenzialità della struttura. Flamingo Net si propone invece si esprimere ed esaltare la ricerca svolta a livello di progettazione e design mettendo l’accento su tecnica e artigianalità, due marchi di fabbrica dell’intera produzione Noctis. Realizzato in cuoio intrecciato a mano, il letto è dotato di rulli testata con rivestimento in pelle abbinato alla base ed è disponibile in due differenti colori, nero e testa di moro.

Mobili della camera da letto matrimoniale

Mobili camera matrimoniale

Se il letto matrimoniale è senza ombra di dubbio e sotto ogni punto di vista il nucleo centrale della camera da letto, di fatto non è il solo elemento di arredamento che la caratterizza. Attorno ad esso, l’ambiente si arricchisce grazie ad una serie di strutture funzionali, utili sia per vivere la stanza al massimo delle proprie possibilità, sia per accentuarne l’identità giocando sull’omogeneità di stili o su studiati contrasti di materiali e colori. Comodini, tavolini, poltrone, armadio e cassettiere e lampade sono alcuni fra gli elementi che, insieme al letto, finiscono per caratterizzare la personalità e la funzionalità della camera da letto. Rientrano in questa categoria tutta quella serie di mobili pensati prettamente per la zona notte, e quindi per la camera da letto, con lo scopo di contenere biancheria pulita, lenzuola, federe e trapunte e in generale tutta quella serie di oggetti e prodotti che potrebbero tornare comodi all’interno di questo ambiente. Anche i più classici armadi, pensati per contenere il proprio intero guardaroba, sono un elemento che è facile trovare nella stragrande maggioranza delle camere da letto. Zalf propone una vasta gamma di soluzioni in questo senso, fra le quali rientra anche il modello Combi System in lignum dark con anta battente Plan XL, finitura ardesia e maniglia titano, anta battente Teca in vetro trasparente e telaio in alluminio con finitura in titanio. Tutta la composizione arredativa sposa il lignum dark come materiale principale: anche il letto Bed45 e la testata Tex e il comò Plan con piano interno vetro laccato opaco cenere sono infatti così composti.

 I colori della camera da letto

Colori camera da letto

Oltre alla scelta “quantitativa” per quel che riguarda gli elementi di arredamento della camera da letto, a contribuire all’identità e allo stile dell’ambiente ci sono anche i colori e i materiali dei vari prodotti che andranno ad occuparne l’interno. Come abbiamo già detto, si può giocare per assonanze (prediligere un singolo materiale e una singola tonalità per tutti gli elementi di arredamento) o per dissonanze (puntando dunque su calibrati contrasti cromatici e materici). Calligaris prende molto sul serio questa missione, attraverso l’offerta di un vasto catalogo di mobili notte (cassettiere, comodini e scaffali) capaci di giocare in maniera studiata e consapevole con gli altri elementi d’arredamento. Per quanto riguarda ad esempio i comò, sono i cassetti ad essere messi in risalto, diventando parte integrante della struttura della camera tout court e creando una connessione immediata con ogni altro elemento caratterizzante l’ambiente. Parallelamente, i letti con testiera in legno sono progettati e pensati in modo che le loro venature richiamino le rifiniture degli altri mobili, per un continuo rimando bilaterale di materiali e stili. La scelta nell’abbinamento di letto e mobili non è dunque mai affidata al caso, ma sempre tarata su elementi stilistici ben precisi. Anche i colori lasciano grande spazio alla fantasia del cliente, chiamato a realizzare accostamenti che gli consentano di personalizzare al massimo la propria camera da letto. Le configurazioni fra cui scegliere sono molto numerose: ci limitiamo a segnalare quelle in legno di colore naturale e poste verticalmente, che donano luminosità a tutta la stanza, e quelle di colore scuro, per un effetto di maggiore eleganza e stile inconfondibile.

In linea di massima, trattandosi di una stanza deputata prettamente al relax e al riposo, possiamo comunque dire che a livello cromatico sono sconsigliate le tonalità e i colori più intesi, sia per i mobili che per le pareti. Vanno invece bene tonalità pastello più delicate, come rosa, salmone, verde-giallo, crema e beige, capaci di distendere i nervi favorire un buon sonno. A braccetto con i colori, ci pensano poi i materiali caratterizzare il mood e l’atmosfera della camera da letto. Di nuovo, le strutture in legno uniscono come nessun altra semplicità e design ricercato. Unite al vetro temprato sui piani orizzontali contribuiscono alla creazione di soluzioni di grande impatto che siano però allo stesso tempo adattabili a qualsiasi tipologia di camera. Ad esaltare al massimo la componente del design dei mobili Calligaris contribuisce anche il sistema push/pull delle cassettiere, per una pulizia di linee senza eguali (in foto un esempio di camera da letto tutta giocata sui rimandi fra gli elementi della collezione Boston). In generale, rispetto a metalli e vetri il legno resta l’elemento più versatile, in grado di adattarsi sia agli stili più tradizionali e classici che a quelli più moderni e d’avanguardia. Per questo continua a farla da padrone, potendo vantare come nessun altra tipologia di materiale la capacità di adattarsi ad ogni tipo di situazione restituendo, a seconda delle esigenze, sensazioni e mood differenti.

 Camera da letto Singola in stile moderno

Camera da letto singola moderna

Quanto detto per le possibilità di arredamento di una camera da letto matrimoniale moderna vale anche per una camera da letto singola, all’interno della quale lo stile pulito, raffinato e – perché no – per certi versi minimale contribuisce a un colpo d’occhio di grande impatto, senza dover peraltro rinunciare del tutto ad elementi decorativi. Un esempio di quanto detto arriva dalla proposta di Twils, azienda con 20 anni di esperienza nel settore dei letti tessili imbotti, dei complementi e della biancheria. Le coordinate sulle quali si muove la proposta seguono l’evoluzione del design e delle ultime tendenze, assimilate e reinterpretate secondo lo stile particolare del marchio, fra estetica e funzionalità. Con Camelia, ad esempio, il letto singolo è il fulcro della camera da letto, all’interno del quale si collocano pochi e mirati elementi d’arredamento che contribuiscono – per estetica, forma e colore – a donare un tocco deciso e incisivo di modernità a tutto l’ambiente nel suo complesso.

Partendo dal presupposto che il letto è l’unico vero elemento insostituibile all’interno di una camera – per l’appunto – da letto, qualsiasi altra componente arredativa può essere vista come una struttura aggiuntiva inserita nell’ambiente, con lo scopo di caratterizzarlo ulteriormente dal punto di vista della funzionalità, dello stile e del mood generale che si vuole ottenere. Comodini, cassetti, armadi, settimanali, elementi di illuminazione: la gamma di prodotti fra i quali scegliere è molto ampia, ma non è detto che serva per forza un esemplare di ciascuno di essi affinché una camera da letto possa definirsi completa. Anzi, se si decide di seguire uno stile più moderno e minimale, è consigliabile togliere anziché aggiungete, purché tale operazione venga fatta con criterio e avendo ben chiaro il risultato finale che si vuole ottenere. Una cosa è certa: a livello di impatto visivo e di sensazioni trasmesse, una camera da letto per la quale si siano scelti pochi elementi di arredamento ben calibrati e dalla personalità decisa funziona molto bene; al contrario, un ambiente troppo “pieno”, rischia di risultare caotico, soffocante e – alla lunga – disturbante. A tal proposito, fra le soluzioni proposte da Flou segnaliamo la collezione Amal, composta semplicemente da letto e lampada. Due soli elementi arredativi per una soluzione di massimo impatto.

Il letto rientra pienamente nei crismi della produzione Flou: a caratterizzare il suo stile forte ci pensa il dettaglio dei profili metallici che trattengono il rivestimento della testata, quasi contrapponendosi alla sua morbidezza. Essi sono realizzati in tre finiture, oro lucido, brunito opaco e nickel nero lucido, così da facilitare l’accostamento ad ogni tipo di rivestimento. La base del letto è imbottita e rivestita, così come la testata, in tessuto, pelle o ecopelle totalmente sfoderabili. Inoltre, la struttura è disponibile con piano a doghe regolabili, con contenitore salvaspazio o con rete a movimento Motion4. Per quanto riguarda le misure del matrimoniale è possibile scegliere fra quattro opzioni: 160×200 centimetri, 170×200 centimetri, 180×200 centimetri e 200×200 centimetri; ad esse si aggiunge inoltre la lunghezza speciale di 210 centimetri. La lampada a piantana a Led vanta un profilo elegante che ne avvalora la componente estetica anche da spenta, e mostra il suo carattere speciale nel diffusore i cuoio (disponibile in nove colori: naturale, moka, nero, bulgaro, tabacco, sabbia, fango, nocciola, tortora), la cui curva sagomata è frutto di un sapiente lavoro manuale. La struttura riprende le stesse finiture dei dettagli metallici della testata del letto (oro lucido, brunito opaco, nickel nero lucido). La coesione fra i due elementi e il loro forte impatto estetico ci permettono di affermare come, in questo caso, la forza della composizione della camera da letto sia inversamente proporzionale al numero di elementi in essa contenuti.

immagine
2 anni ago Blog

Fengh Shui e la valutazione di una casa dal punto di vista energetico

Il Feng Shui è una antichissima dottrina cinese e tibetana di oltre cinquemila anni che letteralmente significa “ vento e acqua”, in onore ai due elementi naturali che plasmano la terra e che ne possono determinare la salubrità. Anche oggi in Cina, in Corea e nel Sudest asiatico spesso ci si rivolge a un Maestro di Feng Shui per la scelta del terreno su cui edificare, per l’orientamento della casa e della porta principale, per scegliere addirittura talvolta la data di inizio della costruzione. Un Maestro di Feng Shui, secondo la tradizione, è ritenuto in grado di valutare una casa dal punto di vista energetico.

In linea generale, secondo i principi di questa dottrina, una casa dovrebbe essere quadrata o rettangolare, comunque sia con forma regolare. Dovrebbe inoltre avere delle piante alte che proteggano il suo lato esposto a Est, delle piante più basse a Ovest, una collina o un grosso masso a Nord. Il Feng Shui ritiene propizio anche un corso d’acqua che scorra nelle vicinanze della casa con andamento calmo oppure un piccolo lago posizionato a Sud.

Il Feng Shui oltre al concetto di bello e armonico è strettamente legato alla geomanzia, ovvero al rispetto degli equilibri sottili – energie della terra, telluriche ed energie del cielo. Lo spazio in cui viviamo e lavoriamo, secondo il Feng Shui, possiede una struttura energetica, uno schema vibratorio nel quale noi ci incastoniamo più o meno in maniera equilibrata e armonica, di certo in modo tale da poter condizionare la nostra personalità e le nostre attività.

Luogo importantissimo per questa millenaria dottrina, all’interno di una casa, è la camera da letto. Quest’ultima deve trovarsi posizionata il più lontana possibile dall’ingresso principale e dalla strada, possibilmente di fronte a un paesaggio naturale. Il letto deve essere collocato trasversalmente, più propriamente con la testa rivolta a Nord e i piedi a Sud, comunque mai con piedi o testa che puntino direttamente verso l’ingresso della camera. Nota particolare : il Feng Shui consiglia di non collocare specchi nella camera da letto per la loro capacità di disturbare il campo energetico. Coprendo gli eventuali specchi presenti con dei teli, durante la notte, migliora notevolmente la qualità del sonno.

Feng-Shui-camera da letto

L’acqua è un elemento potente, legato simbolicamente all’abbondanza sotto ogni profilo e alla comunicazione, pertanto dovrebbe essere sempre presente negli ambienti interni della casa – anche sotto forma di armoniche e rilassanti fontane zen.

fontana zen - feng shui

immagine
3 anni ago Blog

9 IDEE DI DESIGN PER LA LIBRERIA DELLA VOSTRA CASA

 

I libri sono una passione. Mi correggo : i libri sono amici del cuore, insegnanti, compagni di vita. Amo una casa piena di libri, mi racconta molto di chi la abita. E questo non è un giudizio, ma una considerazione strettamente personale.

Abbiamo selezionato per voi 9 idee di design per arredamento di interni, diverse librerie dallo stile più classico fino al più suggestivo e originale. Si tratta di librerie perfette per sfruttare gli spazi della vostra casa, che combinano estetica e praticità. Librerie per amanti dello stile minimalista e contemporaneo, ma anche dello stile classico e di quello moderno.

LIBRERIA A SOFFITTO CON SCALA

LIBRERIA RICAVATA NEL SOTTOSCALA

LIBRERIA IN SALA LETTURA E RELAX

LIBRERIA SOPRA LE PORTE

LIBRERIA IN VERTICALE

LIBRERIA IN CAMERA DA LETTO

                                                                         

Librerie dal design originale : The Corner Industrial Bookshelf di Kkatz e Wisdom Tree di Jordi Milà

                                                   

Infine, ricordate che nella creatività le regole sono state create per essere infrante e soprattutto abbiate sempre paura delle frasi come queste : “Abbiamo fatto sempre così”, “Non si è mai sentito di fare una cosa del genere”, “ Non ci sta, non c’entra nulla”, quindi considerate anche l’idea di una bella libreria in bagno. A casa vostra rispondete solo a voi stessi.

 

Foto : fonte web

immagine
3 anni ago Blog

Greenery, come arredare la casa con il colore Pantone 2017

Avete mai sentito parlare di Pantone e dei colori dell’anno da esso decretati? Se la risposta è si, forse vi sarete anche chiesti di cosa si tratti esattamente.

Pantone Color Institute altro non è che un’azienda statunitense che si occupa di grafica e in particolare modo della catalogazione dei colori. Intorno agli anni cinquanta l’azienda ha messo a punto un sistema – il sistema Pantone – per poter classificare i colori e tradurli nei vari sistema di stampa più usati.

Dal 2000 circa, Pantone decreta ogni anno il colore (o i colori) di tendenza della stagione e di fatto, condiziona quelli che saranno i trend dei vari settori, dalla moda al beauty sino ad arrivare al design.

Quest’anno il colore scelto da pantone è il Greenery, un verde acceso con una nota di giallo al suo interno, un chiaro richiamo alla natura e all’aria aperta. Di lui Leatrice Eiseman, Direttore esecutivo Del pantone Color Institute dice:

“Greenery irrompe nel 2017 per regalarci quel senso di rassicurazione a cui aneliamo in un contesto sociale e politico così complesso. Rispondendo al nostro continuo desiderio di ringiovanire e di sentirsi rivitalizzati, Greenery simbolizza la nostra voglia di recuperare il legame con la natura, con gli altri, e di prefiggersi un fine più importante.”

Greenery è il colore Pantone 2017, vediamo come usarlo in casa

Non è necessario rifare l’intero arredamento o ritinteggiare tutte le pareti per dare un tocco greenery alla nostra casa. Basta infatti qualche piccolo accorgimento per portare la ventata di freschezza tipica di questo colore.

  • Il Greenery si abbina bene con tutte le tonalità neutre come il beige o il tortora ed è perfetto per creare un contrasto elegante in un ambiente black&white senza risultare eccessivo. Per chi ama osare (sempre senza esagerare) può essere abbinato anche a colori più vitaminici come il giallo o il rosso. In questo caso l’ideale sarebbe quello di apportare piccoli tocchi di verde puntando sui complementi d’arredo: un sedia, una lampada d’autore, cuscini, tende o semplici vasi, saranno perfetti.
  • Il Greenery è perfetto sulle pareti del salotto o della zona living; potete tinteggiare solo un angolo o optare per una carta da parati in stile jungle (anche in questo caso scegliete solo una parete per non “appesantire” l’ambiente).
  • Se amate il fai da te, potete riverniciare una vecchia credenza e dare nuova vita alla vostra cucina. In alternativa potrete sempre puntare su tazze, mug, runner per la tavola o piccoli robot da cucina come la Kitchen Aid in versione greenery.
  • E se non ve la sentite di apportare grandi cambiamenti in casa ma vorreste ugualmente cedere al tocco green, puntate sulle piante: non solo renderanno la vostra casa più accogliente ma purificheranno l’aria che respirate.

E se ancora non siete convinti, lasciatevi ispirare dalla nostra selezione, tante idee e spunti per arredare la vostra casa con un tocco Greenery.

arredare casa con il Greenery arredare casa con il Greenery arredare casa con il Greenery

arredare casa con il Greenery arredare casa con il Greenery arredare casa con il Greenery

Image source: Pinterest,

immagine
3 anni ago Blog

Il potere della cromoterapia – Arredare casa con 7 colori

 

 

La cromoterapia studia la struttura della luce e del colore e dei loro effetti sull’uomo, tentando di giungere nei fatti all’equilibrio e al benessere psicofisico. Insigni studiosi come Fresnel, Maxwell ed Einstein ( solo per citarne alcuni ) hanno esaminato la natura della luce e dello spettro cromatico concludendo che la luce nella sua interazione con la materia è in grado di dialogare con i recettori del nostro corpo e di influenzare proporzionalmente l’organismo umano.  Gli studi in questo campo continuano con assiduità, soprattutto in Germania e Russia.

Tuttavia, malgrado le origini della cromoterapia si perdano nella notte dei tempi e delle civiltà – dall’antico Egitto, dove ogni colore possedeva una funzionalità specifica, ai Greci che dipingevano le pareti dei luoghi di cura con colori specifici fino all’India, dove la medicina ayurvedica tutt’oggi si basa fermamente sul pilastro concettuale che i colori influenzino i centri di energia associati alle ghiandole del nostro corpo – essa è contestata dalla comunità scientifica poiché nessuna pratica cromoterapica è mai stata in grado di superare uno studio clinico controllato e verificabile. Pertanto la cromoterapia viene annoverata nell’ambito delle pseudoscienze.

Dubbiosi sul  ritenere la cromoterapia scienza o pseudoscienza, dobbiamo tuttavia ammettere che tutti noi, chi più e chi meno, subiamo il potere suggestivo dei colori. Di ciò si rende ben conto sia la pubblicità che, seppur in maniera grossolana, si basa su questo principio che i centri benessere e le SPA con le loro docce di colore e con le saune sfumate, ed anche gli stilisti ogni anno nei loro ateliers.

Nella cromoterapia i modi in cui un colore può essere “somministrato” sono diversi : attraverso i luoghi che viviamo o frequentiamo, attraverso l’abbigliamento che scegliamo e anche attraverso il cibo che assumiamo. Sì, anche a tavola possiamo seguire le direttive cromoterapiche e fare scorta del principio energetico che riteniamo ci serva in un determinato nostro periodo, passando dalle arancioni zucche e albicocche ai gialli ananas, dai rossi pomodori alle verdi olive, fino alle sfumature blu/viola di melanzane, prugne e more.

spazio_staff

 7 colori per la casa e per il benessere

 

VERDE : trovandosi proprio al centro tra i colori freddi e quelli caldi, svolge una funzione di equilibrio. Secondo la cromoterapia il colore verde coadiuva il rilassamento, favorisce la riflessione e induce alla calma, quindi porta beneficio inerente agli stati ansiosi. Rilassando gli occhi, il verde è un colore adatto a quasi ogni camera della casa. E’ molto indicato in camera da letto perché allevia lo stress, negli angoli dedicati al relax e alla vita conviviale, quindi anche in salotto perché rilassa ma possiede abbastanza calore per stimolare la socialità.

                                                                                     verde salotto

 

BLU : in un certo senso simile per i suoi effetti al verde, questo colore rappresenta l’armonia interiore, l’appagamento. Il blu rimanda alla contemplazione e alla spiritualità. Se provaste a stare in una stanza blu, notereste diminuire i battiti cardiaci. E’ il colore per eccellenza della pacatezza. Per tali sue caratteristiche il blu è indicato nelle camere da letto. Attenzione però : un blu troppo scuro trasmette tristezza, meglio optare per una tonalità calda e morbida come il pervinca o il turchese.

                                                                                      blu in camera da letto

 

ROSSO : il colore dell’energia per eccellenza. Ogni tipo di energia potente che ruota attorno alla nostra vita, l’eros, l’amore, la rabbia, è connaturata di rosso. E’ indicatissimo negli stati di apatia, di stanchezza o depressione. Non favorendo certamente il rilassamento, andrebbe evitato in camera da letto perchè è bene ricordare come un colore acceso proprio come il rosso a lungo andare potrebbe generare stati di tensione. Per questo motivo quindi andrebbe dosato con accuratezza, magari ripiegando sull’idea più equilibrata di dipingere una sola parete di una camera o di scegliere qualche tocco di arredo in rosso. Più congeniale al soggiorno o alla sala da pranzo perché stimola la conversazione.

                                                                                       rosso in salotto

 

VIOLA : dona forza spirituale e ispirazione, è il colore della creatività e della fantasia. Lo stesso Leonardo da Vinci, uno dei più grandi ricercatori nella scienza dei colori, sosteneva che il nostro potere meditativo può essere aumentato se avviene sotto una luce viola. Negli ambienti di casa questo versatile colore ha un effetto riposante ma al contempo stimola olfatto, vista e udito. Perfetto per il salotto.

                                                                                       viola in salotto

 

GIALLO : simbolo di luce e calore, conferisce un carattere dinamico, energetico e vivace. L’energia del colore giallo è dirompente e spontanea. Connesso all’elemento fuoco, il giallo aiuta a mettere ciò che è fermo in movimento, stimola il cambiamento e l’attenzione, allontana i pensieri e i sentimenti negativi che spesso possono minare la nostra autostima. Indossare questo colore vi renderà energici, una camera in giallo farà lo stesso effetto, recando allegria e buonumore.  Carinissima la camera dei bambini in giallo, ma anche la cucina e il bagno.

                                                                                         

 

ARANCIONE : mescolanza tra rosso e giallo, secondo la cromoterapia l’arancione stimola la fiducia in sé stessi e l’indipendenza, liberando da paure e frustrazioni. L’azione associata a questo colore è l’espansione, intesa come apertura alla vita. Come generatore di entusiasmo è dunque adatto per le pareti della cucina e per la zona studio. Se avete in mente una palestra, immaginatela in arancione perché è proprio questo il colore che consente di liberare le emozioni durante l’attività fisica.

                                                                                      arancione in cucina

 

INDACO : rappresenta il rapporto con le nostre capacità interiori ed essendo generato dalla mescolanza tra blu e viola, sintetizza in armonia i principi di questi due colori, quindi la spiritualità e la rilassatezza emotiva. Gli oli essenziali legati a questo colore sono mirra, incenso e patchouli. Come il viola, è un colore perfetto per le pareti del salotto, ma adattabile anche ad altre stanze della casa.

                                                                                       indaco in camera da letto

 

 

Se desiderate infine entrare in risonanza con i colori e le vibrazioni cromatiche in casa vostra, niente di meglio, a inizio o fine giornata, di un bagno di vapore e di luce sotto la doccia cromoterapica, con soffioni e cornette con luci LED integrate. Noi vogliamo giocare in casa e quindi vi suggeriamo un marchio simbolo del made in Italy più rinomato : Bossini Cromotherapy.

                                                                                         docce bossini

Foto : fonte web

immagine
3 anni ago Blog

Come arredare la casa con il Pallet

Avete mai pensato di arredare la vostra casa con il pallet? Si avete letto bene, i bancali in legno usati per trasportare merci, possono diventare un complemento d’arredo originale e soprattutto a costo zero – o quasi – per la vostra casa.

Dalla cucina alla camera da letto, dal soggiorno al giardino, svariati sono i modi in cui il pallet può essere utilizzato e se siete ancora scettici vi mostriamo qualche esempio.

Arredare con il pallet, istruzioni per l’uso

Una volta reperiti i vostri bancali, per prima cosa dovete trattarli affinché possano diventare un perfetto complemento d’arredo. Munitevi quindi di carta abrasiva e buona volontà e iniziate a strofinare per eliminare eventuali schegge e preparare il legno allo step successivo. A questo punto con una miscela di acqua e aceto, pulite bene tutta la superficie per rimuovere ogni traccia di sporco e una volta asciutto potete decidere se lasciarlo al naturale, passare una mano di vernice a base d’olio per renderlo lucido oppure dipingerlo.

Fatto ciò il vostro pallet è pronto per essere riciclato e per arredare la vostra casa.

Gli impieghi possibili del pallet sono infiniti, basta un pizzico di creatività e il gioco è fatto. Noi vi suggeriamo 3 modi originali per arredare con il pallet.

1. Arreda il salotto con il pallet

Volete ricreare un angolo nel vostro salotto dall’aria vissuta? Stanchi dei soliti tavolini che trovate in giro per negozi? Sovrapponete  2 bancali (ma potete usarne anche uno soltanto) e avrete ottenuto un tavolo originale ed unico; se preferite inoltre, potrete aggiungere delle ruote o appoggiare al di sopra un vetro (da farvi tagliare su misura). Et voilà, il gioco è fatto.

arredare-con-il-pallet

arredare-con-il-pallet

2. Crea delle mensole con il pallet

Dalla cucina, al soggiorno, le mensole sono il modo più semplice ed economico per arricchire una parete spoglia. Basta appendere il pallet al muro e aggiungere dei ganci per esporre, ad esempio, le vostre tazze!

arredare-con-il-pallet

 

 

3. Crea un divano con il pallet

Il pallet è ideale per creare divani sia da interno che da esterno. Basta posizionarne due perpendicolari tra di loro, fissarli e rivestirli con dei maxi cuscini. Fatto ciò godetevi il meritato relax sul vostro nuovo sofà.

arredare-con-il-pallet

arredare-con-il-pallet

immagine
3 anni ago Blog

Milano Design Week – gli eventi imperdibili del Fuorisalone 2017

Dal 4 al 9 aprile torna a Milano la Design Week 2017, l’evento più importante dedicato al mondo del mobile, del design e dell’arredamento. Una settimana di fuoco secondo gli esperti che prevedono un’affluenza di circa 300 mila visitatori per oltre 1000 eventi.

Il Salone Internazionale del Mobile è un evento fieristico che si svolge alla fiera Rho, dove vengono esposte le proposte delle aziende più importanti del panorama internazionale del mobile. La fiera è generalmente aperta solo agli operatori di settore ma nelle giornate di sabato 8 e domenica 9 aprile, sarà accessibile anche al pubblico.

Parallelamente in tutta Milano, si svolgerà il Fuorisalone, nato come evento spontaneo e alternativo al Salone del Mobile intorno agli anni ’80. È oggi tra gli eventi con la maggiore affluenza di operatori del settore, architetti, designer e studenti provenienti da tutto il mondo: una serie di eventi e allestimenti collegati non solo al mondo del design e dell’arredamento ma anche alla moda e al food. Location d’eccezione quelle che ospiteranno gli eventi del Fuorisalone, come vecchie fabbriche abbandonate, gallerie o cortili che generalmente sono chiuse al pubblico e che in occasione di questo imperdibile evento, diventeranno accessibili a tutti.

Quali sono gli eventi del Fuorisalone da non perdere?

Bed&Show, veri show-room allestiti con mobili e oggetti di design griffati che diventano abitazioni prenotatili con formula bed&breakfast. L’idea è quella di consentire ai visitatori di testare i complementi d’arredo e vivere un’esperienza differente pernottando all’interno dello show-room.

Dove? In zona via Tortona

Marni Playland, per l’occasione lo spazio Marni si trasforma in un parco giochi popolato da oggetti e arredi che hanno solo una funzione ludica.

Dove? Spazio Marni, viale Umbria 42

Coontemporarymood, dedicato agli stilisti e designer emergenti con ben 21 esposizioni differenti.

Dove? In via Tortona 31

Isola Design District, dedicato ad artigiani, giovani designer e brand emergenti. Saranno coinvolte attivamente tutte le attività commerciali locali e saranno esposte le opere di designer italiani ma anche internazionali.

Brera Design District, lo storico quartiere milanese ospiterà diversi eventi. Il tema di quest’anno è “Progettare è un gioco, giocare un progetto” e tra gli eventi in programma segnaliamo la foresta pluviale urbana ideata per Slow Wood da Aljona Kolesznikova e Sergii Borodenko e le opere di Ludmilla Radchenko esposte all’interno della galleria Robertaebasta.

Per maggiori informazioni e per scoprire tutti gli eventi, consultate il sito fuorisalone.it

immagine
3 anni ago Blog

Come arredare la tua casa con lo stile Scandinavo

Negli ultimi anni lo stile scandinavo ha spopolato divenendo, di fatto, uno tra i design più amati. Sarà l’uso di materiali naturali o lo stile minimalista ed essenziale ma questo stile, di strada ne ha fatta tanta. Partito dalla Svezia, Norvegia, Finlandia e Danimarca, in tutto il mondo sempre più estimatori dell’arredo lo scelgono per la propria casa.

Vediamo come ricreare lo stile nordico in  6 semplice mosse

come arredare in stile scandinavo

1. Colori neutri

Il design scandinavo proviene dai paesi del Nord Europa in cui le ore di luce, soprattutto durante l’inverno, sono davvero poche. Sfruttare la luce naturale il più possibile è un elemento imprescindibile ma ad ogni modo si può giocare con i colori. Ecco perché nelle case predominano le tonalità chiare, in grado di rendere luminose le stanze anche durante i lunghi inverni. Il bianco è sicuramente il colore chiave di tutto il design nordico a cui spesso si affiancano tonalità chiare come il grigio, il verde acqua, il giallo crema e persino il rosa pastello.

2. Un tocco di nero

Se è vero che il bianco è il colore predominante nello stile nordico, il suo contrario, il nero, gioca un ruolo altrettanto importante. Va usato in piccoli tocchi, per dare il giusto contrasto e far risaltare ancora di più i colori chiari. Potete optare per semplici complementi d’arredo, per decorare una parete o per il pavimento della cucina (meglio ancora se in ardesia norvegese).

3. Parola d’ordine: Geometrie

Le geometrie non possono mancare in un arredamento scandinavo. Linee rette, essenziali o triangoli saranno perfetti come decorazione dei vostri tessuti (cuscini, tende, tappeti) ma non solo. Prediligete anche mobili dal taglio lineare o create giochi geometrici utilizzando delle semplici mensole.

come arredare in stile scandinavo

4. Scegliete i tessuti giusti

Anche i tessuti scelti giocano un ruolo importante nella definizione e creazione dello stile nordico. Da prediligere i tessuti naturali e persino grezzi quali lana, pelli (la pelle di pecora è un vero must, meglio se ecologica), crochet e più in generale devono essere caldi e accoglienti, a contrasto con i gelidi inverni del Nord.

5. Rendete l’ambiente più accogliente con il Legno

In un ambiente apparentemente freddo dove c’è una prevalenza di colori chiari e neutri, il legno è un richiamo alla natura che rende l’ambiente decisamente più accogliente ed ospitale. Quercia, Noce, Larice, Frassino e l’immancabile Betulla, ancora meglio se lasciate al naturale, sono perfetti per rivestire sedie, tavoli o armadi. Potete optare per il legno anche per rivestire pareti e pavimenti o per un oggetto di design.

6. Un pezzo di Design

Infine per ricreare un perfetto arredamento in stile nordico non dovrebbe mancare almeno un pezzo di design. Ne basta anche uno soltanto. Non è un caso se molti dei più grandi designer come Arne Jacobsen, Alvar Aalto o Eero Aarnio, provengono dai paesi del Nord Europa. Scegliete un pezzo e rendetelo il protagonista indiscusso della vostra casa. Qualche esempio? Il famosissimo (e copiatissimo) “Stool 60”, lo sgabello in legno di Alvar Aalto per Atek o ancora la poltrona “Egg Chair” di Arne Jacobsen, anche questa intramontabile e ovviamente super imitata.

Image source via Pinterest

© Copyright espliko 2017 – All rights reserved. P.IVA 05288670879
fbfbfbfbfb

(Cosa NON sta andando del tuo attuale lavoro o cosa desideri migliorare?)
Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Privacy Policy di questo sito.